MOTIVAZIONI DELL’INTITOLAZIONE

“Se l’informazione è sbagliata, la democrazia sta in cattive acque”. Queste le parole con le quali Demetrio Volcic, ex giornalista Rai, riassume il ruolo che l’informazione riveste nella società contemporanea.

Volcic ha lavorato come corrispondente all’estero dal ’68 al ’93, operando in contesti culturali e politici diversi come Praga, Vienna, Bonn, e soprattutto Mosca. Un mondo, quello dell’Unione Sovietica, di cui Volcic aveva diretta esperienza, date le sue origini, e che quindi era in grado di capire e raccontare in maniera più completa rispetto ai propri colleghi.

Il lavoro svolto da Volcic nell’Urss riscosse un notevole successo, e in Italia ottenne un’approvazione trasversale dei partiti: “Per il mio modo distaccato di raccontare le notizie, andavo bene sia alla destra che alla sinistra”, ricorda il giornalista. L’ottima qualità dei servizi realizzati da Volcic all’estero gli valse la nomina e direttore del TG1, incarico che ricoprì dal ’93 al ’94. Il ritiro vero e proprio dall’attività di corrispondente risale al 1996, anno in cui Volcic decide di dedicarsi all’attività accademia e politica: membro del Parlamento Europeo dal ’99 al 2004, fu anche senatore della Repubblica tra il ’97 e il 2011.

Trovarsi sempre sul luogo dell’avvenimento, prima dell’avvenimento, questo il dovere morale e professionale del giornalista. Un mestiere, come lo ha definito Volcic, “mitico, da mitizzare e mitizzante”, nella sua continua ricerca della verità.

FINALITA’

  • sostenerele iniziative delle scuole e delle Università in Russia  per la valorizzazione dell’attività giornalistica quale strumento di arricchimento comunicativo, di modernizzazione e diffusione della lingua italiana;
  • avvicinare gli studenti - attraverso gli articoli realizzati nelle proprie strutture scolastiche e universitarie - al mondo dell'informazione e della comunicazione, nella convinzione che la professione giornalistica debba essere frutto di una forte passione che si deve coniugare necessariamente con una solida formazione culturale;
  • Far emergere e portare all’attenzione e alla conoscenza degli studenti il concetto che la comunicazione deve sempre basarsi sulla corretta informazione e sulla netta distinzione tra fatti e opinioni;

La partecipazione è completamente gratuita. 

Ogni studente o gruppo può aderire al concorso senza alcun limite di invio dei contributi, purché ne sia garantita la costanza.

REGOLAMENTO

I contributi testuali  (articolo/racconto/recensione) - dal titolo massimo di 40 battute, senza sottotitolo e con corpo composto da circa 1500/2000 battute (spazi inclusi), pari a 15 righe dovranno essere inviati alla mail:

Этот адрес электронной почты защищён от спам-ботов. У вас должен быть включен JavaScript для просмотра.

tematiche di sviluppo:  sport, cultura, arte, musica, professioni, istruzione

E’ ammesso l’invio di foto e/o disegni relativi ai contributi purché originali e in alta risoluzione, in formato jpeg, allegate e non inserite nel testo.

Tutti i contributi  dovranno essere sempre corredati di titolo, nome e cognome dell'autore, la classe o corso di appartenenza con la sezione espressa, il nome della scuola/università  e la città.

Per concorrere al premio finale i contributi testuali (articolo/racconto/recensione/poesia) devono essere inviati con regolarità. Nel corso di questa edizione dovranno pervenire minimo 10 elaborati per ciascuna Istituzione partecipante.
Tutti i contributi ricevuti verranno pubblicati sul sito www.programma-pria.net  nella sezione “Web Journal”.

VIDEO dovranno essere un prodotto originale realizzato dai ragazzi (anche di anni precedenti, purché in lingua italiana) e rigorosamente prodotti nei seguenti formati: AVI – MOV – MPG.
La dimensione massima dei file in upload è di 5 MB.

Scadenza: i Contributi dovranno essere inviati con costanza. Verranno valutati tutti i contributi inviati nel periodo 1/12/2015- 31/04/2016.

Nel corso della manifestazione finale (entro il mese di maggio) verranno proclamati i “giornalisti” vincitori

PREMI
Verranno assegnati premi alle seguenti categorie:

  1. miglior giornalista – età 7-14
  2. miglior giornalista – età 15-18
  3. miglior giornalista – età 19-23

Tutti i vincitori riceveranno un attestato di merito.

L’elenco dei premi verrà pubblicato in seguito

Si prevede, inoltre, l’assegnazione di un riconoscimento e di un attestato di merito ai docenti referenti delle scuole/università partecipanti, per l’impegno e la motivazione che trasmettono giornalmente ai loro studenti. 

Al Premio “Demetrio Volcic” è collegato il ciclo di conferenze/formazione per i Docenti delle istituzioni PRIA, organizzato dalla redazione del giornale “Mosca Oggi” in collaborazione con l’Associazione di Insegnanti di lingua italiana a Mosca (A.I.L.I.) 

Obiettivi:
1. Avvicinare gli insegnanti alla realtà mediatica, al micro-linguaggio della stampa, allo stile giornalistico; sensibilizzarli ai problemi di etica giornalistica e alle modalità di presentazione delle informazioni.

  1. Fornire nozioni di base sulle principali tecniche giornalistiche.
  2. Rinforzare le conoscenze relative ai mezzi espressivi della lingua italiana che vengono largamente utilizzati nella scrittura giornalistica.
  3. Attirare l'attenzione degli insegnanti sugli errori più frequenti che commettono i russofoni nell'italiano scritto.
  4. Stimolare la crescita professionale e personale degli insegnanti per migliorare la qualità e ampliare i contenuti dei loro interventi didattici ed educativi nel contesto in cui operano.

Destinatari:
Docenti delle istituzioni aderenti al PRIA

 

lingua/язык

Отдел образования - Генеральное консульство Италии - tel. +7 495-9165435 - email: Этот адрес электронной почты защищён от спам-ботов. У вас должен быть включен JavaScript для просмотра. - skype ufficio.istruzione - Якиманская Набережная, 10 119180 Москва

JSN Epic template designed by JoomlaShine.com